«Cuochi si diventa. Con la voglia di emergere»

Molti dei suoi “ragazzi” oggi sono «rinomati chef di rinomati ristoratori» e sono protagonisti del mondo della tivù. «Credo che i giovani siano ambasciatori del proprio lavoro e della cucina di un territorio. Abbiamo tutto il vantaggio a mandarli avanti….».

Marco Valletta, 48 anni, chef, consulente del gusto, collaboratore di numerose riviste di cucina e curatore di libri, insegna all’istituto alberghiero statale “Maffioli” di Castelfranco. È nel suo “laboratorio” che i ragazzi apprendono i segreti della cucina.

“In Fiera con… Gusto” nasce anche dalla sua passione per il nostro territorio (lui, di Napoli, si è fatto adottare di buon grado dalla Marca Gioiosa), per i suoi prodotti  agroalimentari di qualità e per  l’enogastronomia di eccellenza.

«La cucina di domani è per il professionista giovane e per il consumatore giovane…» afferma. E dunque: largo ai giovani.

Sua l’idea di Taste Competition, venerdì 6 e sabato 7 giugno a Santa Lucia di Piave nell’ambito di “In Fiera con… Gusto”, a cui sono state invitate tutte le scuole alberghiere del territorio, per mettere in gara gli studenti e… che vinca il migliore! Marco Valletta ha l’occhio giusto per i giovani talenti e… chissà quanti ne potranno emergere dalla kermesse santalucese.

Marco Valletta, cosa cerca di trasmettere ai suoi studenti?

Ai ragazzi insegno a capire se quello del cuoco potrà essere per loro un lavoro che può dare soddisfazione. E soprattutto insegno a fare della cucina una scienza esatta dove la fantasia e l’“arte” vanno certo messe in campo ma in un secondo momento. La cucina è un fatto enogastronomico, non è solo una libera interpretazione di un sentimento o di un’emozione. Deve dunque essere prima di tutto conoscenza e ricerca attenta della materia prima e la capacità di valorizzarla. È la “tecnica” che permette di creare un gusto che possa creare l’emozione e coinvolgere tutti i cinque sensi del nostro ospite.

Che doti ci vogliono per fare il cuoco?

Bisogna avere testa e curiosità, voglia di conoscere sperimentare. Dalla mia esperienza posso dire che non è una vocazione: si può diventare grandi cuochi con determinazione, voglia e grinta. La tenacia e la voglia di emergere, il desiderio di affermazione, sono importantissimi. Cucinare è altra cosa rispetto al far da mangiare. Un grande cuoco cucina, non fa da mangiare.

Cosa potranno trovare i ragazzi delle scuole a “In Fiera con… Gusto”?

Per loro può essere una bella opportunità di crescita, umana e professionale. Un modo per emergere…

 

Marco Valletta è stato intervistato da:
Francesca Nicastro
Ufficio stampa Azienda speciale Santa Lucia  Fiere
press@francescanicastro.it
335.5755785