Fiere

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column][vc_column_text]Ritorna, dal 14 al 16 dicembre, la grande Fiera Agricola di Santa Lucia, ormai diventata la Fiera dell'agricoltura sostenibile del Nordest. Alle consuete iniziative destinate, mediante una convegnistica di alto livello, alla informazione e formazione degli agricoltori, si aggiungono una serie di eventi per il grande pubblico che faranno ancora una volta della Fiera millenaria delle genti del Piave la più grande rappresentazione del territorio e dei suoi molteplici valori.

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column][vc_column_text]Il settore del turismo riveste un ruolo di particolare importanza in tutto il Paese per il grande contributo che esso dà all’occupazione e allo sviluppo economico. Tutte le previsioni economiche confermano che questo settore è resistente alla crisi che sta colpendo il nostro Paese e quindi è importante aumentare le professionalità e le potenzialità che esso può offrire. In particolare, anche quest’anno la nostra regione si è classificata al primo posto per l’affluenza turistica grazie al fatto (unico in Italia) che può offrire tutto a chi viene a visitarla: dalle città d’arte, al mare, dalla campagna al lago per finire con le Dolomiti, da poco Patrimonio dell’Unesco.

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column][vc_column_text]L'Esposizione canina di domenica 8 settembre che si è svolta nei padiglionifieristici di Santa Lucia ha registrato il maggior numero di presenze (siacanine che “umane”) tra tutte le analoghe manifestazioni italiane delperiodo. L'organizzatrice Barbara Severin e i volontari del Gruppo cinofilodi Treviso hanno contato ben 420 soggetti presenti che hanno rappresentatole razze più ricercate da allevatori e appassionati degli amici a quattrozampe. I giudici internazionali hanno premiato i soggetti migliori, mal'esposizione è stata dedicata soprattutto ai cani che, grazie ad associazioniche operano sul territorio italiano, vengono addestrati per assisterebambini, anziani e persone con disabilità.

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column][vc_column_text]Domenica 8 settembre nei padiglioni dell'ex-filanda di Santa Lucia di Piave si terrà, apartire dalle 8.30, la terza Esposizione del Gruppo Cinofilo Trevigiano, chefesteggia quest'anno i trent'anni di fondazione. Oltre 450 le razze ufficialmente riconosciute, un migliaio circa gli esemplari inmostra, valutati da esperti italiani ed europei che decreteranno i campioni dellamanifestazione. Sfileranno soggetti appartenenti a razze meno note al grande pubblico, il Bobtail, o tutte le varianti dello Spitz tedesco, oltre al più noto Volpino di Pomerania. Mostraspeciale per il cane da ferma tedesco Kurzhaar. Fino ai Corgies, “cani di corte” dellaregina Elisabetta d'Inghilterra.

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column][vc_column_text]"Dopo un lungo percorso arriva finalmente il riconoscimento dell’UNESCO per il nostro territorio che ha nel suo DNA grandi valori legati alla tradizione agricola ed enogastronomica e che, negli ultimi anni, è diventato un importante polo turistico. Storicamente, come Fiere di Santa Lucia di Piave, siamo legati a queste tematiche con la nostra millenaria Fiera Internazionale dell’Agricoltura e siamo orgogliosi di essere parte attiva di un’area che ora è patrimonio dell’umanità.

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column][vc_column_text]Aprono ufficialmente le iscrizioni per partecipare come espositore alla 1359^ Fiera Internazionale dell'Agricoltura di Santa Lucia di Piave. Tre giornate per una proposta fieristica trasversale e completa, che propone tutte le novità del mercato, i migliori prodotti e servizi per l’agricoltura, la viticoltura, la frutticoltura, la zootecnica, le attività forestali e del settore delle energie rinnovabili.

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column][vc_column_text]
Parte da quartiere fieristico di Santa Lucia di Piave il tour italiano di Massey Ferguson Experience: La prima tappa del tour europeo con un nuovo format della casa madre francese che punta ad una nuova esperienza in movimento.  

  Sabato 23 e domenica 24 febbraio a Santa Lucia di Piave i mille volti e colori della cultura Gothika in uno dei suoi festival più noti in Italia. La Fiera Gothika del Triveneto che vedrà riuniti gli amanti di questo mondo parallelo e un po' nascosto che soltanto nel Nordest conta migliaia di aderenti: conferenze, musica, stand gastronomici, sfilate e spettacoli.

Si rafforza l'asse strategico delle Fiere del Piave: Santa Lucia, Longarone, San Donà, Godega in nome della valorizzazione delle eccellenze del territorio e della promozione turistica realizzeranno una serie di nuove manifestazioni che, accanto a quelle tradizionali, saranno collegate tra loro dalla tipicità e da uno sforzo comune. Dopo il rinnovo della presidenza di Longarone Fiere, mentre Santa Lucia -giunta nel dicembre scorso alla 1358a edizione con cifre da record quanto a visitatori ed espositori- si conferma sempre di più come la fiera dell'innovazione sostenibile in agricoltura, l'”asse del Piave” mira a costituire un soggetto compatto e omogeneo, mettendo a sistema le affinità storiche, culturali e ambientali proprie dell’area del fiume “sacro alla Patria”. Un'area vasta ma che presenta caratteristiche e ha interessi comuni.  Il progetto fu varato due anni fa a Palazzo Balbi, sede della giunta regionale, alla presenza del governatore Luca Zaia.